OTI NORD - Potenziamento asse ferroviario Monaco-Verona/Galleria di base del Brennero

Potenziamento asse ferroviario Monaco-Verona/Galleria di base del Brennero

ultimo aggiornamento: 10/03/2021 | settore: Ferrovie
Stampa la Pagina

Descrizione Progetto

La galleria di base del Brennero è una galleria ferroviaria che punta a collegare Italia ed Austria, estendendosi tra  Fortezza (Italia) e Innsbruck (Austria) per una lunghezza di 55 km. L’opera si situa lungo l’asse ferroviario Monaco-Verona e rappresenta un punto di particolare interesse del corridoio Scandinavo-Mediterraneo. Principalmente, la galleria di base servirà il trasporto merci, favorendo lo spostamento del traffico pesante dalla strada alla rotaia. Tuttavia, la galleria potrà essere utilizzata anche per il trasporto passeggeri. Grazie all’abbattimento quasi totale delle pendenze (tra il 4%e il 7%), i treni in transito non dovranno affrontare più le impegnative salite e discese della linea esistente, risalente al 1867.
Attualmente sono operativi cinque cantieri: due su suolo italiano e tre in territorio austriaco. La realizzazione dell’opera è suddivisa nei seguenti lotti:

  • Lotto Tulfes-Pfons: comprendente circa 39 km di gallerie tra cui il cunicolo di soccorso della circonvallazione di Innsbruck;
  • Lotto Pfons-Brennero: prevede la realizzazione di circa 67 km di gallerie e cunicoli;
  • Lotto Mules 2-3:  prevede la realizzazione di circa 69 km fra il Brennero e Mules e da Mules fino al confine con il lotto successivo;
  • Lotto di sottoattraversamento del fiume Isarco: comprende il tratto della galleria di base che, passando nel fondo della valle d’Isarco, sviluppandosi per 6 km sotto-attraverserà il fiume Isarco e le infrastrutture ferroviarie e stradali esistenti (strada statale SS12, ferrovia del Brennero, autostrada del Brennero). 

L’opera è richiamata nel Contratto di Programma 2017-2021 tra Rete Ferroviaria Italiana (RFI) e Ministero dei Trasporti (MIT) ed è cofinanziata dall’Unione Europea attraverso il “Connecting Europe Facility” (CEF).
 

Soggetti coinvolti

Galleria di base del Brennero/Brenner Basistunnel SE, composta da:

  • Governo italiano, finanziatore al 50% tramite TFB Società di Partecipazioni S.p.A, controllata a sua volta da Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (88,99%), dalla Provincia Autonoma di Bolzano (6,38%), dalla Provincia Autonoma di Trento (4,24%) e dalla Provincia di Verona (0,39%);
  • Governo austriaco, finanziatore al 50% tramite ÖBB-Infrastruktur AG

Unione Europea, finanziatore per il 40% dei lavori e per il 50% dei cunicoli esplorativi tramite il Connecting Europe Facility (CEF)
 

Cronoprogramma

2007
Entro il 2025 saranno completati i lavori dei lotti di Pfons-Brennero, Mules 2-3 e Isarco.
2025
in linea col programma

Copertura finanziaria

  • Disponibili 3.532 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 660 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Lavori in corso

Progettazione

La realizzazione dell’opera è suddivisa nei seguenti lotti:

Territorio austriaco

  • Tulfes-Pfons: è il lotto più settentrionale dell’opera. Il costo per questo lotto è di circa 380 milioni di Euro ed è stato affidato all’ATI Strabag/Salini-Impregilo, è stato avviato nel 2014 e completato nel 2019. Comprende circa 39 km di gallerie tra cui il cunicolo di soccorso della circonvallazione di Innsbruck.;
  • Pfons – Brennero: il lotto, prevede la realizzazione di circa 67 km di gallerie e cunicoli. I lavori su questo Lotto lavori sono stati avviati a fine autunno 2018. La durata dei lavori prevista è di 74 mesi (2025). Il Raggruppamento temporaneo d’imprese composto dalle società austriache PORR Bau GmbHe G. Hinteregger & Söhne Baugesellschaft m.g.H, e dalle società italiane Società Italiana per Condotte d’Acqua S.p.a. ed Itinera S.p.a. è responsabile dei lavori su questo lotto.L’importo contrattuale è di circa 966 milioni di euro.

Territorio italiano

  • Mules 2-3: è il lotto più esteso della galleria di base del Brennero, prevede la realizzazione di circa 69 km fra il Brennero e Mules e da Mules fino al confine con il lotto del sottoattraversamento del fiume Isarco. Tale lotto è stato avviato a settembre 2016 ed è stato affidato per 993 milioni di euro al raggruppamento costituito da Astaldi S.p.A., Ghella S.p.A., Oberosler Cav Pietro S.r.l., Cogeis S.p.A. e PAC S.p.A. Nel corso di 7 anni saranno scavati 39,8 km di gallerie di linea e 14,8 km di cunicolo esplorativo, la fermata di emergenza di Trens con la relativa galleria di accesso, ed i cunicoli trasversali, che collegheranno le canne principali ogni 333 metri. Entro la fine del 2023 saranno dunque scavati ben 65 chilometri di gallerie nell’ambito di questo singolo lotto. Una volta terminato “Mules 2-3”, tutti i lavori di scavo in territorio italiano saranno completati;
  • Sotto-attraversamento dell’Isarco: comprende il tratto della galleria di base che, passando nel fondo della valle d’Isarco, sviluppandosi per 6 km sotto-attraverserà il fiume Isarco e le infrastrutture ferroviarie e stradali esistenti (strada statale SS12, ferrovia del Brennero, autostrada del Brennero). Il valore del lotto è di 301 milioni di Euro, è stato affidato a ottobre del 2014 al consorzio RTI Salini-Impregilo S.p.A., Strabag AG, Strabag S.p.A., CCC soc. Collini Lavori S.p.A.. Le opere di questo lotto collegheranno la Galleria di Base con la linea ferroviaria del Brennero esistente e la stazione di Fortezza. I lavori sono iniziati a ottobre del 2014 e se ne prevede il completamento a novembre del 2022.

Costo dell'Opera

4.192.000.000

Dettaglio Costi



 

Finanziamenti disponibili

3.532.000.000

Dettaglio Finanziamenti

Il costo complessivo dell’opera è pari a 8,384 miliardi di euro. La somma è ripartita al 50% tra Governo italiano e Governo austriaco, rispettivamente per 4,192 miliardi di euro per parte. L'Unione Europea cofinanzia gli stanziamenti dei due Paesi con 1,183 miliardi di euro. Attualmente, a fronte di 3,532 miliardi di euro stanziati dall'Italia risultano ancora da reperire 659,620 milioni di euro.