OTI NORD - Aeroporto di Bologna: Ampliamento aerostazione

Aeroporto di Bologna: Ampliamento aerostazione

ultimo aggiornamento: 19/02/2021 | settore: Aereoporti
Stampa la Pagina

Descrizione Progetto

L'Aeroporto di Bologna-Borgo Panigale situato a circa 10 km dal capoluogo Emiliano, è il principale scalo regionale, nonché  uno dei principali aeroporti in Italia. La crescita costante dello scalo è favorita dalla posizione strategica, inserito nel contesto industriale emiliano-romagnolo particolarmente votato all’export e al suo posizionamento lungo diverse direttrici di trasporto multimodali. Di fatti, nell’esercizio 2019 l’Aeroporto di Bologna ha registrato un totale di 9.405.920 passeggeri, nuovo record di traffico, in crescita del 10,6% rispetto agli 8.506.658 passeggeri del 2018, grazie all’introduzione di nuove destinazioni ed al potenziamento di rotte già attive. Gli interventi di ampliamento dell’aerostazione rappresentano un investimento di circa 150 milioni di euro al fine di adeguare la struttura alle stime di crescita del traffico.

 

Soggetti coinvolti

Aeroporto Marconi di Bologna Spa

Cronoprogramma

2016
Completamento dei lavori
2030
in linea col programma

Dettagli prossima fase

Le prossime fasi di realizzazione degli interventi volti all’ampliamento dell’Aerostazione riguardano i lavori con orizzonte temporale al 2023/24 e al 2029/30. In particolare: L’ampliamento a est dell’aerostazione, la cui realizzazione è prevista per il 2023-2024; La fase 2 di ampliamento del nuovo molo partenze, la cui realizzazione è prevista per il 2023-2024; La fase 3 di di ampliamento del nuovo molo partenze, la cui realizzazione è prevista per il 2029-2030; L’ampliamento della sala imbarchi, la cui realizzazione è prevista per il 2028-2029.

Copertura finanziaria

  • Disponibili 148 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 0 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Lavori in corso

Progettazione

Il Piano di Sviluppo Aeroportuale vigente, redatto nel 2009, è stato approvato da ENAC con provvedimento finale nel febbraio 2016. Durante i 7 anni trascorsi per il processo di approvazione del Piano, il traffico sull’aeroporto di Bologna è cambiato notevolmente generando esigenze infrastrutturali differenti. Si è reso quindi necessario aggiornare il Piano di Sviluppo Aeroportuale apportando le modifiche necessarie ad allineare il piano con le esigenze attuali e future. L’aggiornamento del Piano avviato nel 2017 e per il quale si è conclusa a novembre 2018 la procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA da parte del MATTM, con la sua esclusione, prevede lo sviluppo dell’aeroporto secondo una configurazione più compatta ed efficiente che massimizza l’utilizzo delle infrastrutture esistenti e ne espande la capacità con una serie di interventi puntuali di grande efficacia. La nuova configurazione insiste su aree in larga parte all’interno del sedime esistente e riduce notevolmente gli espropri originariamente previsti. L’aggiornamento del Piano estende l’orizzonte temporale dall’anno 2023 al 2030 in quanto i movimenti previsti dal PSA vigente nell’anno 2023 - per i quali esiste già un decreto V.I.A. - non si materializzeranno fino all’anno 2030 a causa di una crescita più lenta rispetto a quanto previsto in origine. Tale intervento permetterà di aumentare la capacità dell’aerostazione al fine di rispondere adeguatamente alla crescita, già in atto, del numero di passeggeri transitanti dallo scalo bolognese.

Nello specifico, tra le opere già completate al 2020 figurano:

  • Il nuovo molo partenze, dotato di una superficie di circa 10.000 mq ripartiti su due livelli. L'imbarco potrà avvenire tramite pontili d'imbarco dal primo piano o mediante l'utilizzo di bus dal piano terra;
  • La fase 1 dell’ampliamento del Terminal, per un incremento di circa 15.000 mq di nuove superfici, su tre livelli. L’ampliamento terminal consiste in un nuovo fabbricato in parte a tre livelli che ospita la nuova sala partenze, la quale comprende l’area commerciale, l’area di attesa, la business lounge e al piano terra una serie di funzioni quali il controllo passaporti e altre funzioni di supporto.

Le prossime fasi di realizzazione degli interventi volti all’ampliamento dell’Aerostazione riguardano i lavori con orizzonte temporale al 2023/24 e al 2029/30. In particolare:

  • L’ampliamento a est dell’aerostazione, la cui realizzazione è prevista per il 2023-2024. L'intervento rappresenta la fase 2 dell’ampliamento del Terminal e prevede l'espansione dell'area sud-est, verso il landside per una superficie complessiva di circa 20.000 mq. I lavori saranno eseguiti su più livelli, con una nuova facciata ed una nuova entrata principale. Il corpo centrale dell'aerostazione si svilupperà anche verso est, espandendo l'area arrivi. L'intervento include anche la realizzazione di una cabina elettrica a supporto delle nuove attività commerciali presenti grazie all'incremento delle superfici;
  • La fase 2 di ampliamento del nuovo molo partenze, la cui realizzazione è prevista per il 2023-2024. L’intervento prevede la realizzazione di circa 10.000 mq aggiuntivi di infrastruttura, ripartiti su due livelli. La struttura ospiterà nuovi gate d'imbarco. L'edificio raggiungerà la capacità necessaria a soddisfare le previsioni di traffico all'orizzonte 2025;
  • La fase 3 di di ampliamento del nuovo molo partenze, la cui realizzazione è prevista per il 2029-2030. L’intervento è previsto all'orizzonte 2030 per un totale complessivo di circa 8.000 mq aggiuntivi, ripartiti su due livelli. L'edificio ospiterà nuovi gate d'imbarco e raggiungerà la capacità necessaria a soddisfare le previsioni di traffico all'orizzonte 2030;
  • L’ampliamento della sala imbarchi, la cui realizzazione è prevista per il 2028-2029. L'intervento di ampliamento del terminal esistente in fase 3 prevede la costruzione di circa 5.000 mq complessivi, attraverso l'espansione del piano terra dell'aerostazione e del primo piano ampliando la nuova sala partenze.

Costo dell'Opera

148.169.541

Dettaglio Costi

Finanziamenti disponibili

148.169.541