OTI NORD - Autostrada A14: Ampliamento quarta corsia tratta Ponte Rizzoli-Diramazione per Ravenna
  • Home
  • Monitoraggio Opere
  • Autostrada A14: Ampliamento quarta corsia tratta Ponte Rizzoli-Diramazione per Ravenna

Autostrada A14: Ampliamento quarta corsia tratta Ponte Rizzoli-Diramazione per Ravenna

ultimo aggiornamento: 10/03/2021 | settore: Viabilità
Stampa la Pagina

Descrizione Progetto

L'autostrada A14 Bologna-Taranto o Autostrada Adriatica, rappresenta il secondo asse autostradale meridiano della penisola italiana, lungo 743,4 km. Gli interventi previsti coinvolgeranno le strutture che ricadono nel territorio della Regione Emilia Romagna. Il progetto consiste nell’ampliamento simmetrico alla quarta corsia della tratta in questione. L’ampliamento prevede di allargare la corsia di sorpasso fino a 3.75m, ed introdurre, su entrambi i lati, una corsia aggiuntiva da 3.75 m. In particolare l’intervento, esteso per circa 27 km, interessa la provincia di Bologna, nei comuni di Ozzano dell’Emilia, Castel S. Pietro, Dozza e Imola, e la provincia di Ravenna, nei comuni di Castel Bolognese e Solarolo. Da un punto di vista planimetrico, il tracciato di progetto si mantiene sostanzialmente aderente al tracciato attuale, essendo ovunque possibile un ampliamento della piattaforma in sede e simmetrico anche in considerazione delle numerose opere d’arte di scavalco autostradale già predisposte alla quarta corsia. Nel tratto oggetto di intervento ricadono gli svincoli esistenti di Castel S.Pietro (km 38+147.17), di Imola (km 50+077.29) e l’Area di Servizio Sillaro (km 37+375), mentre sono previsti i seguenti nuovi svincoli: al km 42+543,85 nuovo svincolo di Toscanella (in comune di Dozza) al km 54+999,82 nuovo svincolo di Solarolo (in comune di Castel Bolognese).

Per quanto riguarda la cantierizzazione si è scelto di dividere il tratto in quattro tratte di intervento. In tal modo i lavori possono procedere, in carreggiata, con cantieri sfalsati (alternativamente in carreggiata nord o sud) in modo da ottimizzare i tempi e evitare l’assenza di emergenza per tratte estese sulla stessa carreggiata. Quanto sopra consente la realizzazione delle tratte in contemporanea. In particolare, le tratte di cantierizzazione all’interno delle quali si procederà all’esecuzione dell’ampliamento del tratto, sono:
tratta A che si estende dalla progr.29+600 (inizio intervento) fino alla progr.36+500;
tratta B che si estende dalla progr.36+500 fino alla progr.44+000;
tratta C che si estende dalla progr.44+000 fino alla progr.51+000;
tratta D che si estende dalla progr.51+000 fino alla progr.56+600 (fine intervento).
 

Soggetti coinvolti

Autostrade per l’Italia S.p.A.
Spea Engineering S.p.A.
 

Cronoprogramma

---
Approvazione dell'addendum alla convenzione di concessione
---
in ritardo

Copertura finanziaria

  • Disponibili 393 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 0 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Progetto esecutivo/Appalto in corso

Progettazione

A seguito della conclusione positiva della Conferenza dei Servizi per la localizzazione urbanistica avvenuta a luglio 2016, il MIT ha emanato il provvedimento finale nel 2017. Nel corso del 2017 Autostrade per l’Italia ha elaborato il progetto esecutivo dell’ampliamento autostradale che è stato inviato al MIT per la validazione tecnica. Nell'ambito dell'impegno finanziario di ASPI sono inoltre previste opere a favore del territorio, di adduzione all'opera principale, del costo complessivo di 29,5 M€ che avranno un proprio procedimento approvativo e saranno realizzate dagli Enti locali.

Costo dell'Opera

392.560.000

Dettaglio Costi

Finanziamenti disponibili

392.560.000

Criticità

Politiche

il Ministero dei Trasporti deve approvare un addendum alla convenzione di concessione che ne sancisce formalmente il finanziamento, ma a seguito del contenzioso instauratosi dopo il crollo del ponte Morandi di Genova, si è protratto per tutto il 2020 l’iter di approvazione di tale aggiornamento della convenzione fra ASPI e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, determinando uno slittamento dei tempi programmati per l’avvio dei lavori.