OTI NORD - Autostrada A4: Ampliamento alla terza corsia nella tratta Quarto d'Altino-Villesse-Sistiana
  • Home
  • Monitoraggio Opere
  • Autostrada A4: Ampliamento alla terza corsia nella tratta Quarto d'Altino-Villesse-Sistiana

Autostrada A4: Ampliamento alla terza corsia nella tratta Quarto d'Altino-Villesse-Sistiana

ultimo aggiornamento: 01/02/2022 | settore: Viabilità
Stampa la Pagina

Descrizione Progetto

L’autostrada A4 si sviluppa lungo la direttrice ovest-est del nord della penisola, collegando Torino a Trieste passando per Milano, Venezia e concludendosi a Sistiana (TS). L’infrastruttura si sviluppa lungo il Corridoio europeo mediterraneo. L’intervento in oggetto consiste nella realizzazione della terza corsia della A4 nella tratta Quarto D’Altino (Ve)-Villesse (Go). Il tracciato presenta uno sviluppo di circa 95 km dei quali circa 55 km in Veneto e 40 Km in Friuli Venezia Giulia e si sviluppa su un terreno pianeggiante. Esso comprende anche il nodo di Portogruaro, tramite il quale la A4 si connette con la A28 per Pordenone, e il nodo di Palmanova, di connessione con la A23 per Udine.

Il progetto verrà realizzato in quattro lotti: 

  • Lotto 1: Quarto D'Altino-San Donà di Piave (18,5 km) a cui si aggiunge la costruzione del nuovo casello di Meolo; 
  • Lotto 2: San Donà di Piave-Alvisopoli (33,5 km) a cui si aggiunge la costruzione del nuovo casello di Alvisopoli; 
  • Lotto 3: Nuovo ponte sul fiume Tagliamento - Gonars e nuovo svincolo di Palmanova con variante (primo lotto) alla Strada Statale 352 (26 km); 
  • Lotto 4: Gonars-Villesse (17 km). 

La sezione trasversale del progetto è quella prevista dal decreto del MIT del 5 novembre 2001 per la categoria A (autostrade), ambito extraurbano, con una larghezza di m 32,5 (3 corsie di m 3,75 per carreggiata, affiancate all’esterno da una banchina di sosta di emergenza di m 3 e con spartitraffico da m 4) e con velocità di progetto compresa tra i 90 e i 140 Km/h.

Si affiancano ai lavori di ampliamento della corsia numerose opere. Tra le quali:

  • Ristrutturazione di 7 svincoli autostradali; 
  • Realizzazione di due nuovi svincoli (Caselli di Meolo e di Alvisopoli);
  • Ristrutturazione del nodo di interconnessione con la A23 (nodo di Palmanova); 
  • Costruzione di alcuni tratti di viabilità di adduzione (variante alla Strada Statale numero 352); 
  • Ristrutturazione dei caselli di Portogruaro e Lisert.

L’opera è stata inserita tra le opere strategiche previste dal Decreto Semplificazioni di luglio 2021

 

Soggetti coinvolti

  • Commissario Delegato per l’Emergenza della Mobilità Riguardante la A4 (tratto Venezia - Trieste) ed il Raccordo Villesse–Gorizia
  • Autovie Venete s.p.a.
  • Ad Autovie Venete s.p.a. è subentrata la società “in house” Società Autostrade Alto Adriatico S.p.A." con un capitale sociale di 6 milioni di euro così ripartito tra i due soci: Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia 67%, Regione Veneto: 33%. La Società è finalizzata alla alla gestione e all'esercizio della concessione autostradale trentennale delle tratte autostradali "A4 Venezia-Trieste, A23 Palmanova-Udine Sud, A28 Portogruaro-Pordenone-Conegliano, A57 tangenziale di Mestre (competenza fino a Terraglio) e della A34 Villesse-Gorizia", attualmente in capo a "S.p.A. Autovie Venete" in forza della convenzione unica e ss.mm.ii. con l'Ente Concedente Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.  A fine dicembre 2021, il Cipess ha dato parere favorevole all’accordo di cooperazione per l’affidamento in concessione per 30 anni dell’A4 Venezia-Trieste alla Società Alto Adriatico Spa, dando seguito al protocollo firmato a dicembre 2016, finalizzato alla costituzione di una New company interamente pubblica con il compito gestire e realizzare le infrastrutture già in capo ad Autovie Venete Spa.


 

Cronoprogramma

2010
In base ai lotti: conclusione lavori, aggiudicazione dell'esecuzione, conclusione della proggettazione
2026
in ritardo

Copertura finanziaria

  • Disponibili 1.274 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 0 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Progetto esecutivo/Appalto in corso

Progettazione

Dai dati forniti dal Commissario delegato risulta il seguente stato di avanzamento:

Tratto Quarto d'Altino-San Donà di Piave 1° lotto

  • 1° sub-lotto funzionale: lavori conclusi ed opera aperta al traffico da novembre 2014;
  • Nuovo Casello Autostradale di Meolo: lavori conclusi e opera aperta al traffico da ottobre 2012;

Tratto San Donà di Piave-Svincolo di Alvisopoli 2° lotto

In tutto il secondo lotto sono state attivate le procedure per assicurarsi le aree necessarie alla costruzione delle opere autostradali e renderle libere da sottoservizi interferenti quali la viabilità ordinaria, acquedotti, metanodotti, oleodotti, elettrodotti, fognature, impianti di illuminazione, fibre ottiche, ecc. La costruzione della terza corsia solo in questo tratto richiede ben 675 espropri e l’avvio di 349 pratiche per impianti interferenti.

  • 1° sub-lotto funzionale (Portogruaro – Alvisopoli: 8,8 Km): a gennaio 2022 è stato aperto al traffico il cavalcavia del nodo di Portogruaro portando il completamento di lavori a circa il 60%. La conclusione è prevista per fine 2022;
  • 2° e 3° sub-lotto funzionale (San Donà – San Stino e San Stino – Portogruaro: 25 Km: a fine 2021 si era in attesa dell’avvio dell’affidamento dei lavori. Si prevede la realizzazione dei cavalcavia, anticipatamente e separatamente rispetto alle opere di adeguamento dell’asse autostradale. Questo dovrebbe consentire ‐ durante i lavori di esecuzione dei nuovi cavalcavia autostradali ‐ di completare la progettazione esecutiva dell’adeguamento con la terza corsia dei due sublotti.

Tratto Alvisopoli-Gonars 3° lotto

  • I lavori si sono conclusi a settembre 2020

Tratto Gonars-Villesse 4° lotto

  • 1° sub-lotto funzionale: i lavori tra Gonars e Tratto di Palmanova si sono conclusi a luglio 2021
  • 2° sub-lotto funzionale: Tramite decreto n. 369 del 24.04.2018 è stato approvato il progetto definitivo al fine della dichiarazione di pubblica utilità ed avvio del progetto esecutivo del 2° sub lotto funzionale. È stato individuato il soggetto esecutore (dati al 31.12.2020)

Costo dell'Opera

1.274.439.000

Dettaglio Costi

Finanziamenti disponibili

1.274.439.000

Dettaglio Finanziamenti

Quantificazione dei costi: 1.274 milioni di euro

Enti finanziatori:

  • Autovie Venete s.p.a.: 800 milioni di euro
  • Legge di Stabilità 2015: 93,470 milioni di euro
  • Fondo “sblocca cantieri: 30 milioni di euro
  • Legge di Stabilità 2014: 28,355 milioni di euro
  • Società Autostrade Alto Adriatico: costi per il completamento, in particolare della tratta tra San Donà e Portogruaro

Risorse disponibili: 1.274 milioni di euro

Risorse da reperire: opera completamente finanziata

 


 

Criticità

Finanziarie

La scadenza della concessione ad Autovie Venete, l’incertezza della situazione e la riduzione delle entrate a causa della Pandemia della stessa Autovie che si era impegnata al finanziamento dell’opera attraverso i pedaggi aveva fatto emergere la mancanza di 440 milioni di euro. Si era ipotizzato che questi potessero venire dal PNRR o da erogazioni statali. La nuova concessione alla newco tra Regione Veneto e Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia ha di fatto superato queste ipotesi perché sarà la stessa a garantire le risorse necessarie, così come previsto nel proprio piano finanziario.