OTI NORD - Completamento del Sistema Ferroviario Metropolitano di Bologna

Completamento del Sistema Ferroviario Metropolitano di Bologna

ultimo aggiornamento: 17/02/2021 | settore: Trasporto pubblico locale
Stampa la Pagina

Descrizione Progetto

Il progetto per il completamento del Servizio Ferroviario Metropolitano (SFM) e della filoviarizzazione delle linee portanti del trasporto pubblico urbano è volto a ultimare il SFM del capoluogo emiliano, garantendo la realizzazione di un sistema di fermate interne del Comune di Bologna e la loro interconnessione plurimodale con il tessuto urbano. 
Il progetto si articolerà attraverso la realizzazione di una serie di opere volte a migliorare l’accessibilità delle stazioni del SFM, così come l’ammodernamento e il completamento della rete. Inoltre si procederà all’eliminazione delle interferenze tra viabilità urbana e rete ferroviaria lungo la direttrice della linea SFM 2 Vignola - Bologna- Portomaggiore. Nel 2017 il progetto è stato oggetto di una rimodulazione degli interventi con l’esclusione della componente relativa alla fornitura del materiale rotabile ferroviario. Il progetto così rivisto sinteticamente prevede: 

  • Realizzazione delle fermate SFM di Prati di Caprara e Zanardi; 
  • Completamento delle fermate Borgo Panigale Scala e San Vitale;
  • Rimesse e adeguamento delle fermate San Ruffillo e Fiera;
  • Opere di accessibilità alle fermate SFM;
  • Progetto riconoscibilità Stazioni SFM; 
  • Completamento dell’interramento della tratta urbana della linea ferroviaria SFM2 Bologna-Portomaggiore;
  • Completamento della rete filoviaria urbana bolognese, con la realizzazione delle opere stradali e di alimentazione elettrica, comprese le sottostazioni, e la fornitura di materiale rotabile filoviario.

Il progetto originario prevedeva, inoltre, l’acquisizione di 7 convogli ferroviari dedicati al trasporto passeggeri del servizio SFM del nodo di Bologna. Nel corso del 2017, in accordo con gli enti interessati ed in particolare con la Regione Emilia‐Romagna, è stato possibile procedere al finanziamento della fornitura dei sette treni ETR 350 nell’ambito dei Fondi Sviluppo e Coesione 2014‐2020. In tale ottica, il Comune di Bologna, con una delibera dell’11 luglio 2017, ha approvato la rimodulazione del progetto definitivo e del relativo quadro economico, a seguito delle osservazioni del 2016 presentate dalla Corte dei Conti che hanno portato ad escludere dal progetto la componente relativa alla fornitura del materiale rotabile ferroviario. Il progetto così rimodulato nel suo complesso vale 255,324 milioni di euro.
 

Soggetti coinvolti

Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture (MIT), Rete Ferroviaria Italiana (RFI), Comune di Bologna, Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna (TPER)
 

Cronoprogramma

---
Predisposizione gara d'appalto
---
in linea col programma

Dettagli prossima fase

Le procedure relative alla predisposizione degli atti necessari alla pubblicazione dei bandi di gara per l'esecuzione dell'opera sono state momentaneamente sospese

Copertura finanziaria

  • Disponibili 255 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 0 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Progetto esecutivo/Appalto in corso

Progettazione

Nel 2012 è stato firmato l’Accordo di programma tra Regione, Provincia e Comune di Bologna e società TPER SpA per la realizzazione di questo progetto, a ottobre 2012 il CIPE ha approvato il progetto preliminare, del costo totale previsto di 362,78 milioni di euro, di cui 236,7 milioni di finanziamenti  statali. Il progetto originario prevedeva, l’acquisizione di 7 convogli ferroviari dedicati al trasporto passeggeri del servizio SFM del nodo di Bologna. Nel corso del 2017, in accordo con gli enti interessati ed in particolare con la Regione Emilia‐Romagna, è stato possibile procedere al finanziamento della fornitura dei sette treni ETR 350 nell’ambito dei Fondi Sviluppo e Coesione 2014‐2020. In tale ottica, il Comune di Bologna, con una delibera dell’11 luglio 2017, ha approvato la rimodulazione del progetto definitivo e del relativo quadro economico, a seguito delle osservazioni del 2016 presentate dalla Corte dei Conti che hanno portato ad escludere dal progetto la componente relativa alla fornitura del materiale rotabile ferroviario. Il progetto così rimodulato nel suo complesso vale 255,324 milioni di euro.

Costo dell'Opera

255.324.307

Dettaglio Costi

Finanziamenti disponibili

255.324.307

Dettaglio Finanziamenti

Enti finanziatori:

  • MIT: €236.521.464,50;
  • Legge Finanziaria 244/2007: €450.000,00;
  • TPER: €8.000.000,00;
  • Comune di Bologna: €7.752.842,90;
  • RFI: €2.600.000,00

Criticità

Finanziarie

Nella relazione di bilancio 2018 di TPER (Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna), presentata a giugno 2019, riguardo all’avanzamento del progetto per il completamento del Servizio Ferroviario Metropolitano e per la filoviarizzazione delle linee portanti del trasporto pubblico urbano, si riportava che la società stava predisponendo gli atti necessari per la pubblicazione del bando di gara per la realizzazione dei lavori. Tuttavia nella relazione di bilancio 2019 si legge che a seguito del finanziamento concesso dal MIT al Comune di Bologna per la costruzione della linea rossa del TRAM e dei finanziamenti concessi per la progettazione delle ulteriori linee (previste nel numero di 4), nel secondo semestre del 2019 è stato necessario provvedere ad una revisione del progetto, tuttora in corso, per verificare lo stesso nell’ambito delle previsioni contenute nel Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) adottato nell’area metropolitana di Bologna che prevede investimenti in linee tranviarie. Pertanto sono state sospese le procedure relative alla predisposizione degli atti necessari alla pubblicazione dei bandi di gara per i primi lavori in attesa di definire, nell’ambito di un apposito tavolo tecnico con il Comune di Bologna, la piena coerenza del progetto con i nuovi investimenti previsti.