OTI NORD - Nodo ferroviario di Novara

Nodo ferroviario di Novara

ultimo aggiornamento: 10/03/2021 | settore: Ferrovie
Stampa la Pagina

Descrizione Progetto

Il nodo ferroviario di Novara ha un ruolo centrale nella rete di trasporto piemontese poichè situato all'incrocio tra due corridoi europei TEN-T, il corridoio Reno- Alpi e il corridoio Mediterraneo. Gli interventi, quindi, si inquadrano nel programma di sistemazione del nodo novarese e si rendono necessari per supportare i traffici verso la Svizzera (via Domodossola- Sempione e via Luino), il Gottardo e il Ceneri e in prospettiva sul corridoio Mediterraneo e Terzo Valico. Lo scalo di Novara Boschetto e l’interporto CIM si trovano, infatti, al centro di un nodo ferroviario merci che mette insieme il corridoio europeo Genova-Rotterdam l’asse Lisbona- Kiev.

Soggetti coinvolti

Regione Piemonte, Provincia di Novara, RFI (Rete Ferroviaria Italiana), Comune di Novara.

Cronoprogramma

---
2021
2027
in linea col programma

Dettagli prossima fase

Per il 1° trimestre 2021 è atteso l'avvio degli iter autorizzativi. Termine dei lavori della prima fase previsti per il 2027.

Copertura finanziaria

  • Disponibili 97 Milioni di €
  • Non ancora disponibili -97 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Progetto esecutivo/Appalto in corso

Progettazione

Il progetto è necessario per il nuovo assetto ferroviario di Novara, per migliorare l’operatività dell’interporto CIM e del terminale di Autostrada Viaggiante (Huchepack) di Novara Boschetto.

Il progetto prevede tre sezioni:

  • una nuova bretella merci che si diramerà dal nodo di Vignale, sottopassando l’autostrada Torino-Milano e la linea AV/AC e, sfruttando una delle attuali interconnessioni che connettono l’AV/AC a Novara, permetterà di collegare direttamente lo stesso asse con lo scalo merci di Boschetto senza utilizzare l’attuale linea che passa attraverso l’abitato di Novara. In questo modo circa 40 treni merci al giorno eviteranno di intrecciarsi con le linee ferroviarie passeggeri, consentendo così il potenziamento del traffico merci proveniente dalla Svizzera e dall’Ossola, Domodossola e Luino;
  • la realizzazione di una connessione tra le reti FNM e RFI in scalo Boschetto, per consentire connessioni dalla rete FNM per la direttrice RFI di Alessandria – Genova. Tale intervento è stato completato nel 2019;
  • il passante ferroviario merci verso Mortara, ad oggi non finanziato.

Costo dell'Opera

0

Dettaglio Costi

Il Contratto di Programma RFI 2017-2021 prevede un finanziamento di 97 milioni di euro per il progetto di potenziamento e razionalizzazione sul nodo di Novara.

Finanziamenti disponibili

97.000.000